DNS CloudFlare 1.1.1.1 e 1.0.0.1 come e perché usarli

CloudFlare ha lanciato un proprio DNS che vuole scalzare dal cuore degli appassionati quello di Google, e batterlo sotto il fronte della sicurezza e della velocità.

I server DNS offerti da CloudFlare sono molto diversi rispetto a quelli degli operatori, perché supportano il protocollo DNSSEC e non tracciano in alcun modo le pagine visitate degli utenti a fini commerciali. La società sostiene inoltre che tutti i log delle sessioni di navigazione degli utenti verranno eliminati entro 24 ore dall’uso.

La mancanza del tracciamento CloudFlare, e l’attenzione alle prestazioni rendono questo nuovo resolver un’alternativa interessante a altri blasonati resolver come OpenDNS e i DNS di Google.

Il sito medium, dopo il lancio ha fatto un’interessante e approfondito test di velocità tramite il tool open source DNS Performance Test, da cui è emerso che il resolver di CloudFlare è stato mediamente più veloce dei suoi concorrenti in tutto il globo (con una media di caricamento di 4,98 ms ben più veloce dei DNS di Google che si sono fermati a 16,44 ms).

Come impostare i DNS di CloudFlare?

Come al solito quando si parla di cambiare i DNS la procedura varia in base al dispositivo e al sistema operativo. In generale, quando è possibile, conviene impostare il proprio server DNS preferito direttamente sul router o sull’access point. Di solito è abbastanza semplice raggiungendo la pagina di configurazione, che varia spesso da produttore a produttore e a volte da modello a modello, quindi vi consigliamo di fare riferimento al vostro manuale.

In questo modo tutti i dispositivi connessi potranno utilizzare direttamente il DNS scelto senza ulteriori complicazioni. Purtroppo, ancora, a volte siamo costretti ad utilizzare i router degli operatori, che spesso non permettono di modificare i DNS complicandoci la situazione. In questi casi non ci resta altra alternativa che modificare i DNS sui singoli sistemi.

I DNS di CloudFlare sono:

  • Primario (o principale, o preferito): 1.1.1.1
  • Secondario (o alternativo): 1.0.0.1